“Istruire” gli italiani a non scottarsi al sole

lunedì 8 luglio 2013

“Istruire” gli italiani a non scottarsi al sole

Luglio, le scuole finiscono, gli esami diminuiscono e le ferie non sono più un miraggio. Mare o montagna che sia, molti non vedono l’ora di mettersi al sole per togliere il grigio invernale trasformando il colorito della propria pelle, dandogli quell’effetto per alcuni un po’ più dorato e sano. La reticenza - o meglio la domanda – che attraversa la mente di tutti è se esista effettivamente una connessione tra l’esposizione al sole e l’insorgenza di melanomi. Effettivamente il melanoma è l’unica cosa negativa che possa essere collegata all’abbronzatura, se non se ne conoscono le cause e quindi agire in difesa. Studiosi hanno condotto studi e prove scientifiche che dimostrerebbero quanto l’esposizione alle cosiddette e fastidiose “scottature” estive da piccoli, accresca il pericolo di sviluppare un melanoma da adulti. Ma questo perché accade? La scottatura estiva non porta solo arrossamento e fastidio sulla pelle, nei suoi strati più profondi succede altro. Si provocano danni al DNA delle cellule, che nel lungo periodo possono avere conseguenze serie. Ma quali sono i segni tangibili ai profani? Uno evidente è l’induzione ad un precoce invecchiamento della pelle provocato dai raggi solari e artificiali, ma esiste anche un effetto positivo. Questi raggi stimolano la produzione di Vitamina D, fondamentale per la salute delle ossa, oltre ad avere effetti positivi sull’umore. Una soluzione esiste: la prevenzione. Oltre a seguire i numerosi forum che consigliano la prevenzione della nostra salute, una cosa importante è usare il buon senso e l’informazione che quotidianamente ci viene offerta dai media. Utilizzare le giuste protezioni durante l’esposizione al sole e proteggere noi e i nostri bambini garantirà un futuro con minori rischi di danni cutanei.

I nostri prodotti

Ricerca i nostri attivi

Parliamo di...

Una protezione contro gli effetti dell’inquinamento sulla pelle: Depullophane.

Una protezione contro gli effetti dell’inquinamento sulla pelle: Depullophane.

L’inquinamento atmosferico è uno dei nemici invisibili della pelle in quanto provoca un’accelerazione dell’età biologica della nostra cute. Un rimedio di derivazione naturale proviene da Depullophane , che combinano l'estratto dai germogli di crescione con il complesso di polisaccaridi specifici.

Leggi
Arnica Messicana.

Arnica Messicana.

Fin dai tempi antichi è chiamata “panacea dei caduti” proprio per la sua formidabile capacità di risolvere gli effetti negativi di diversi tipi di infortuni. Tra le sue più importanti funzioni cosmetiche: antiossidante, anti-acne, anti-sebo ed anti-forfora.

Leggi
è una divisione di AVG s.r.l. | P.IVA 03535230969 | REA MI 1682944 | cap. soc. i.v. € 10.000,00 | © Copyright 2009-2014 AVG s.r.l. tutti i diritti riservati | Privacy - Cookie Policy